Cultura, Turismo e Biblioteca del Comune di Altopascio

  Siete in  Siete in : Home
indietro
27/03/2012
Altopascio sede del corso internazionale per gli “Ospitalieri della Francigena”

Da piu’ di 15 anni, la federazione spagnola delle associazioni del camino di Santiago organizza corsi per ospitalieri. Sono momenti formativi rivolti a persone di tutte le età e condizione sociale, che si sono proposte di conservare la tradizionale ospitalità nel Cammino di Santiago. Formatori e discenti sono quindi gli ospitalieri volontari, coloro che, con il proprio lavoro volontario, accolgono i pellegrini negli albergues del cammino e collaborano alla diffusione dei contenuti artistici, culturali e spirituali del cammino stesso.
Da alcuni anni questa bella tradizione si è trasferita anche sulla via Francigena. Anche in Italia quindi, pellegrini esperti che hanno deciso di dedicare parte del loro tempo libero, in maniera totalmente gratuita, all’accoglienza dei pellegrini organizzano corsi per nuovi operatori degli ostelli o delle foresterie.

Per questo 2012 quindi Altopascio sarà una delle due sedi italiane che ospiteranno il corso per diventare ospitalieri volontari. Al Comune di Altopascio, che da una ventina d’anni lavora con grande intensità allo sviluppo e alla tradizione legata alla via Francigena e ai pellegrinaggi a essa collegati, si è infatti deciso di cogliere questa opportunità, proseguendo una tradizione ormai decennale di impegno nella valorizzazione del percorso francigeno e nell’organizzazione dell’ospitalità sullo stesso.

“Per noi una grande soddisfazione, perché ormai Altopascio è considerato anche a livello internazionale un punto di riferimento per i pellegrinaggi della via Francigena - spiega l’assessore alla cultura e vicepresidente dell’Associazione Europea delle Vie Francigene Nicola Fantozzi - e questa scelta è una testimonianza di questo nostro più che ventennale impegno. La tradizione ha infatti ormai individuato Altopascio come il paese dell'accoglienza, “tappa” legittima e inevitabile del peregrinare, così da essere conosciuto per antonomasia come “lo Spedale”. Il Comune di Altopascio – prosegue Fantozzi – è infatti uno dei comuni fondatori dell’Associazione Europea delle Vie Francigene, che nacque proprio dalla proficua collaborazione, avviata nel 1999, tra Altopascio e Fidenza, al fine di mettere in rete le città italiane che più si erano distinte fino ad allora nella valorizzazione dell’antico cammino della famosissima strada”.

I corsi si svolgeranno il 13, 14 e 15 aprile prossimi nella sala dei granai di piazza Ospitalieri e formeranno la figura di ospitalieri volontari. Essi saranno in pratica pellegrini esperti che hanno deciso di dedicare parte del loro tempo libero in maniera totalmente gratuita all’accoglienza dei pellegrini. Due i requisiti richiesti: avere fatto, almeno una volta, un pellegrinaggio e, appunto, il corso di preparazione. Poi i volontari saranno chiamati a operare nei vari punti di accoglienza dei pellegrini, come la Foresteria di Altopascio. Dal corso di Altopascio usciranno 25 volontari che opereranno immediatamente in questo delicato settore. Per informazioni contattare la Biblioteca Comunale di Altopascio (tel. 0583.216280, e-mail: turismo@comune.altopascio.lu.it).

 


indietro